Da Photoshop a Gimp : Istruzioni per l’uso [Parte 2]

the_gimp_logoIeri abbiamo visto come aggiungere i Font scaricati a Ubuntu e quindi di conseguenza anche a The Gimp.

Oggi per la seconda parte vedremo come installare quei Brushes tanto amati, disegnati per Photoshop (e ammetto che alcuni sono spettacolari!)

Dunque per prima cosa abbiamo bisogno ovviamente di Brushes per Photoshop quindi vi linko due siti veramente ottimi:

  1. Brusheeze.com
  2. DenviantArt.com (famosissimo sito per la condivisione di strumenti grafici, e non solo)

Ora che abbiamo scaricato ed estratto il font (se era compresso) mettiamolo in una cartella nella home e chiamiamola con un nome come “Brushes”, adesso viene la parte un po’ mnemonica, ovvero dovrete impararvi una riga di comandi da eseguire nel terminale.

ATTENZIONE: CHIUDETE PRIMA GIMP, POI AVVIATE L’OPERAZIONE!

Vediamo allora come fare:

  1. Apriamo il Terminale (Applicazioni–>Accessori–>Terminale) spostiamoci sulla cartella pre-creata con
  2. cd Brushes

    Ovviamente se abbiamo creato una cartella con nome diverso sostituiamo a Brushes il nome scelto

  3. Ora viene la parte “tosta”, scriviamo nel terminale queste righe:
  4. sudo mv nomeBrush.abr /usr/share/gimp/2.0/brushes

E al posto di nomeBrush immettiamo il nome del pennello, potete anche usare il carattere jolly “*”, quindi se ad esempio il brush si chiama Sunshine.abr allora possiamo scrivere al suo posto Sun*.abr e automaticamente Ubuntu sposterà nella cartella dei Brush di Gimp tutti i file che iniziano con Sun e hanno come estensione .abr

Ecco fatto! Come avete visto è semplicissimo e di grande effetto!

Alla prossima!

Tag:, , ,

3 responses to “Da Photoshop a Gimp : Istruzioni per l’uso [Parte 2]”

  1. Aldo "xoen" Giambelluca says :

    Non ho mai usato Photoshop però uso Gimp, e penso che questa cosa dei pennelli può essere utile, grazie😉.

  2. Davide says :

    Beh non critico Rhe Gimp, è ottimo come programma. Ma paragonarlo a Photoshop… è come paragonare una 500 con un Ferrari. Diciamo che però con The Gimp risparmi ben 1000 euro, ma chi fa dekka grafica il proprio lavoro (come me), Photoshop è un compagno indispensabile e unico. Gimp è un’altra cosa! Ciao ciao e bella recensione comunque😉

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: