Quando la community è l’unica cosa che conta

Un aspetto che è fondamentale tenere presente durante l’acquisto di un prodotto tecnologico è quanto la comunità di appassionati possa influire sulle scelte della casa produttrice.

E’ chiaro che il produttore investa una certa somma di danaro al fine di trarne profitto, ripagando non solo le spese di produzione, i dipendenti e il marketing, ma ottenendo un surplus che costituisce il guadagno. Una volta terminato questo ciclo dalla parte della casa madre è finito il lavoro perché lo scopo è stato raggiunto.

Tuttavia il mercato è fatto di due componenti: produttore e utente ed entrambi lo influenzano. Se il fabbricante spinge il settore tecnologico  a livelli più alti, l’utente conferisce alla casa costruttrice fama e successo che le consentiranno di divenire trend, di moda.

E’ necessario che il codice virtuale stipulato tra produttore e acquirente sia rispettato da entrambe le parti e non si giochino brutti scherzi. Eccetto che Apple, quasi tutte le aziende produttrici di terminali elettronici tendono ad abbandonare il supporto dei loro prodotti non appena un altro è in procinto di essere rilasciato. Questo brutto atteggiamento non fa altro che generare malcontento negli utenti che si sentono presi in giro. Lasciando fuori Apple che ha da aggiornare 3 dispositivi in croce peraltro tutti uguali, si sente adesso parlare del caso Samsung vs Galaxy S. Quest’ultimo è stato immesso sul mercato a Maggio 2010 e tenuto in vita per più di 18 mesi attraverso aggiornamenti ufficiali ed ufficiosi. Dal mio modesto punto di vista il lavoro svolto da Samsung (produttrice di oltre 20 modelli di telefoni all’anno) è meritevole e mostra che Samsung tenga al rapporto con i suoi utenti.

La mia Home su Galaxy S con ICS (click per ingrandire)

Accade però che Samsung abbia deciso di non fornire un update alla nuova distribuzione di Android e che la sfera degli acquirenti si lamenti e infervori nella rete. E Samsung?  Ha rivalutato la sua posizione mostrandosi disposta a tentare un porting di ICS su Galaxy S.

Questo è un semplice ma lampante esempio di quanto la community sia fondamentale. Abbiamo in mano il potere di far cambiare idea ad una multinazionale multi-miliardaria, che non è cosa da poco!

E intanto che Samsung ci pensa su? Noi che si fa?

Ecco che la comunità ci torna in aiuto, con sviluppatori maledettamente capaci che ci forniscono già una release pressochè stabile di Ice Cream Sandwich. Gratis. Senza attese.

Non fraintendetemi, ma in tutto questo io vedo qualcosa di molto commovente.

/my2cents

Tag:, , , ,

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: